mercoledì 26 agosto 2009

Natuzza

In un paese sperduto tra le campagne della Calabria (Paravati ), nasce e vive Natuzza Evolo, una degli ultimi taumaturghi del nostro secolo. Una vita semplice, una famiglia numerosa e una fede viva sono stati i tratti salienti della sua esistenza. Poi il fatto sorprendente che l' ha fatta assurgere alla ribalta della cronaca nazionale: la comparsa sul proprio corpo della stimmate, segno indelebile dell'intervento di Dio nella sua vita. Ed infatti dopo ciò la sua esistenza è profondamente cambiata. Da quel momento, folle di fedeli o di persone in cerca di un senso da dare ala propria esistenza, sin dalle prime luci dell'alba si recano alla sua porta per avere conforto, speranza o chiedere a Dio per suo tramite guarigioni fisiche o spirituali. Però da un pò di tempo Natuzza non riceve più per motivi di salute, apparendo in pubblico raramente e coltivando ormai il suo unico sogno ma già in parte realizzato e cioè la costruzione di una casa accoglienza per giovani,disabili ed anziani al fine di alleviare le angosce di chi soffre. Il " fenomeno Natuzza " viene studiato attentamente dalla Chiesa Cattolica, che di fronte a questi avvenimenti va come si suol dire "con i piedi di piombo "; ma al di là di ciò si possono dedurre due cose: la semplicità di questa donna e la conversione di molte persone che si erano allontanate dalla fede.

8 commenti:

la signora in rosso ha detto...

sono molto scettica...ci sono fenomeni che n on si spiegano e la cultura popolare come risposta li colora di divino. La storia è piena di questi fenomeni...

Sebastiano Landro ha detto...

@ la signora in rosso: Sì, questo è vero ed infatti la Chiesa li esamina attentamente essendo essa la prima " scettica d'ufficio ". A prescindere dalla veridicità di questi fenomeni, che ripeto vanno accertati caso per caso, vi è un assunto fondamentale che sfugge spesso proprio a chi è credente, e cioè che se Dio esiste può intervenire quando vuole nella vita degli uomini.

Angy ha detto...

Concordo con te,Sebastiano.E grazie di aver visitato il mio blog,ciao.

Sebastiano Landro ha detto...

@ Angy: Grazie a te,arrivederci a presto :-)

Max ha detto...

Quest'anno purtroppo non ha partecipato alla festa della Beata Vergine ci ha lasciato prima.

Sebastiano Landro ha detto...

@ Max: Sì, purtroppo Natuzza ci ha lasciato,ma il suo esempio di umiltà,di perseverante preghiera ed ascolto delle sofferenze di chi a lei si rivolgeva,rimarrà nei cuori di tutti.Un caro saluto.

Alessandra ha detto...

natuzza......grande donna,esempio di umiltà,di fede.....che grave perdita abbiamo subito con la sua morte...la donna che parlava con le anime e gli angeli...quando mio cugino è morto prematuramente a 31anni dopo un calvario terribile,ci proposero di andare da lei perchè parlasse con lui..per sapere come stava......
ma non ne abbiamo avuto bisogno perchè dopo tutta la sofferenza che lui ha sopportato è già tra gli angeli...ne siamo tutti certi!!chi ha fede non ha bisogno di farsi alcuna domanda...si crede perchè si ha fede e non perchè qualche teoria spiega il perchè di alcune manifestazioni.
almeno,questa è la mia opinione...

Sebastiano Landro ha detto...

@ Alessandra: Ciao Alessandra,la fede è quell'ancora di salvataggio che Dio ci dà per nuotare nel mare burrascoso che è la vita.La fede viva è quella che muoveva Natuzza e che le consentiva di operare nuove conversioni.Carissimi saluti :-)