domenica 9 novembre 2014

Il Sinodo dei vescovi:qual'è il messaggio?

Si è concluso il Sinodo dei vescovi,e questo è stato certamente un Sinodo innovativo soprattutto per quanto riguarda la trasparenza di ciò di cui si è discusso.Ma essendo questa una società sempre più mediatica è chiaro che l'attenzione dell'opinione pubblica si è spostata su due soli temi trattati e cioè le unioni tra persone dello stesso stesso e dare l'eucarestia anche ai divorziati.Ma a parte ciò non si è messo in luce quello che più è evidente e cioè da un latro la caratterizzazione di una Chiesa sempre più misericordiosa ed aperta al dialogo con il mondo e dall'altro invece il voler essere sempre ancorati alla dottrina divina per la quale la Chiesa stessa è sorta.Queste due volontà non sono divergenti ma anzi convergenti,in un magistero come quello di Papa Bergoglio sempre più aperto ai bisogni degli ultimi e degli emarginati

6 commenti:

Taty Cascada ha detto...

Un abrazo Sebastiano. Lástima que el traductor no funciona, porque no pude comentar y me siento mal por no poder leerte.

Bandys ha detto...

Ola Sebastiano,

Na verdade não entendi.
Mas deixo um beijo e as boas vindas,

Tiziano ha detto...

Buona sera Sebastiano ,grazie per la gentile visita fatta al blog sparsi per il mondo come il grano,
mi sono unito a i tuoi lettori e spero poterti avere trai miei nell'altro blog .
complimenti per gli articoli qui pubblicati
buona serata
Tiziano

Elio ha detto...

Sono d'accordo con te che il nuovo Papa cerca di innovare, ma lo lasceranno fare? Troppi cardinali sono ancora ancorati alla vecchia tradizione. Vedremo in futuro perché mi piacerebbe proprio vedere una grande apertura della Chiesa. Buona settimana.

Elio ha detto...

Ma sull'altro blog non si può commentare? In ogni caso ci passerò ugualmente perché mi piace essere al corrente della politica italiana. Un caro saluto.

Vanuza Pantaleão ha detto...

Sebastiano, a Itália é a minha segunda pátria, meus bisavós aí nasceram.
Arrivederti, amigo!!!